L’uomo della seconda stella

Estate del 2005: la Pro Recco annuncio l’ingaggio di un venticinquenne giocatore ungherese, Márton Szivós. Il nome è di quelli che pesano: il nonno István ha vinto la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Helsinki 1952 e Melbourne 1956 e l’argento nel 1948 nella Londra che vide il primo alloro del Settebello, il padre István Jr. può vantare l’oro di Montreal 1976, l’argento di Monaco 1972 e il bronzo a Mexico 1968 e Mosca 1980. La bacheca familiare, insomma, è di prim’ordine. Márton ci ha già messo del suo: con la Honvéd ha vinto cinque titoli nazionali consecutivi, un’Eurolega e una Supercoppa Europea. Di lui si dice che abbia un gran talento e il vizio del gol difficile. La Pro Recco lo ha già incrociato due anni prima, nella Final Four di Genova che riportava la Coppa dei Campioni a Recco dopo vent’anni. È stato il presidente onorario Gian Angelo Perrucci a volerlo a Recco e a chiudere personalmente l’operazione, ritenendo che nella squadra che sta per iniziare l’era Volpi saprà essere una pedina importante. L’inizio non è dei migliori: il ragazzo stenta ad inserirsi negli schemi di Porzio, alterna giocate importanti a momenti di buio completo, c’è chi lo paragona ad un suo conterraneo visto a Recco un po’ di anni prima,  András Gyöngyösi, capace di passare nella stessa partita dal genio agli errori più incredibili. Qualcuno ai piani alti comincia a chiedersi se davvero sia il giocatore giusto.

Marton Szivos - 2006

 La stagione intanto si sviluppa su di una formula a due fasi a gironi, nella seconda fase la Pro Recco non è sempre brillante come la si vorrebbe, addirittura subisce una incredibile sconfitta casalinga contro il Nervi che sommata al successivo pareggio col Savona determina il sorpasso in classifica da parte del Posillipo e mette persino a rischio il terzo posto, con la Leonessa Brescia che incalza. Arriva il 17 febbraio, il giorno dello scontro al vertice: alla Baldini di Camogli, eletta per quella stagione campo di casa, è di scena proprio il Posillipo. Una gara tesa e nervosa come quasi tutti gli incontri fra le due squadre in quegli anni, con il Posillipo sempre avanti fino all’ultimo. Fino a quando, a due secondi dalla fine, Recco guadagna un’espulsione su Udovičić. La palla arriva a Márton all’altezza dei sette metri, defilato sulla sinistra. Ci vuole un numero, e il numero arriva: una girata assassina che taglia tutta l’area, gonfia la rete alle spalle dell’attonito Violetti e sancisce il definitivo 7-7, non certo l’obiettivo di partenza ma un ottimo risultato vista la storia del match. Ed è una rete che segna anche una svolta nel rendimento della squadra, che difenderà fino alla fine il secondo posto andando a demolire a domicilio la Leonessa per 10-3 nel giorno maledetto in cui dalla Spagna arriva la terribile notizia dell’addio alla vita di Jesús Rollán.

Non c’è solo il campionato, ovviamente. Il sorteggio dei quarti di Eurolega mette sul camminoMarton Szivos - 2006 della Pro Recco proprio la Honvéd, e nell’incontro di andata Márton si iscrive al tabellino con tre reti che contribuiscono all’ 11-8 finale. Come ogni anno da allora in poi, con la primavera sparisce ogni titubanza e la Pro Recco diventa una macchina da guerra nella quale l’ungherese ha trovato finalmente il suo posto. Anche nel cuore dei tifosi, che dal gol contro il Posillipo hanno messo da parte ogni riserva nei suoi confronti, e per questo rumoreggiano quando comincia a girare una voce: a fine stagione arriverà Kásás, per Márton il prossimo anno non ci sarà più posto. La voce gira con sempre maggior insistenza, e si rivelerà fondata anche se, per ovvi motivi, non ufficiale fino all’estate. Ma nonostante questo il suo contributo si rivela sempre più importante nell’economia della squadra, che dopo trentadue anni vince la Coppa Italia a Torino, supera la delusione per la sconfitta nella finale di Eurolega a Dubrovnik contro lo Jug (prima puntata di quella che sarà per tre anni consecutivi la sfida per il titolo europeo) e si concentra sull’obiettivo grosso. Dopo essere arrivata a 19 con lo scudetto del 2002, da tre anni la Pro Recco fallisce quel titolo che varrebbe la seconda stella, e questa deve essere la volta buona. Anche se la classifica assegna il fattore campo al Posillipo, che sulle cinque partite ne avrà tre a disposizione alla Scandone.

La prima se la aggiudicano i rossoverdi per 9-6, subito pareggiata dal 12-7 di Punta Sant’Anna. Poi arriva il break di gara 3, con la vasca napoletana espugnata per 12-10 e match point a disposizione. È il 31 maggio, la vecchia piscina affacciata sul Golfo Paradiso è ben oltre i limiti della sua capienza, nella gradinata supplementare che ospita la parte più calda del tifo campeggia un eloquente striscione: “Márton non si tocca”.Gara 4 - 2006 In tanti temono che quella sia l’ultima partita del’ungherese con la calottina biancoceleste numero 5 e non hanno alcuna intenzione di rassegnarsi. E lui risponde da par suo. In gara 1 ha segnato due volte, in gara 3 per tre volte da posizione 5 ha trafitto Violetti, in gara 4 ancora dall’angolo mette a segno il momentaneo 2-2 di una gara che sembra dominata dalla paura, dopo il 5-5 del cambio di campo le due squadre sentono il pallone sempre più pesante ad ogni azione. Alla fine del terzo tempo Recco è avanti per 6-5, troppo poco per sentirsi al sicuro. E si arriva a 3’40”. Dopo un’azione fallita dal Posillipo il gioco si sposta verso la porta a sud e quasi tutte le coppie si formano. Quasi tutte, perché un giocatore è rimasto indietro rispetto agli altri. E no, non è Sandrone Calcaterra, che non ha certo nel nuoto il suo punto di forza ma è già pronto ai due metri. È il numero 5, Márton Szivós. Riceve palla da un compagno a metà vasca, fa ancora un paio di bracciate, si ferma, impugna la palla, osserva lo schieramento d’attacco. E poi d’improvviso, tira. Scaglia un missile con un maligno effetto a uscire che termina sotto l’incrocio dei pali alla destra di Violetti, beffato da lontano come quattro mesi prima a Camogli. Punta Sant’Anna esplode in un urlo così forte che chiunque lo senta, dal lungomare o dalle vie vicine, capisce che non è un gol qualunque. E lui lì, a metà vasca, con le braccia aperte e un’espressione di gioia che pochi tra i presenti potranno dimenticare. È la rete che fissa il risultato finale di gara 4, e regala a Recco il ventesimo scudetto e la tanto sognata seconda stella.

Eppure tutto questo non basta. Il 2 agosto 2006 il sito ufficiale della Pro Recco ufficializza la “risoluzione consensuale” del contratto con Márton e l’ingaggio di Tamás Kásás, che andrà ad indossare la stessa calottina numero 5. Chi lo ha incontrato in quei giorni racconta di un dispiacere fino alle lacrime e di una profonda delusione per una scelta che sperava di  poter rovesciare con le sue prestazioni. Ed è anche per questo che a Recco ancora oggi lo ricordiamo con grande affetto, e con un rammarico appena attutito dalla classe assoluta di chi lo ha sostituito. Immaginate quindi che effetto può avere svegliarsi un sabato mattina e leggere

 Durante l’incontro di campionato fra Szeged e Vasas, appena dopo aver segnato avverte un forte dolore al petto. “Credevo fosse un crampo” dirà poi a Waterpolo.hu. Dopo una breve sosta torna in acqua e continua a giocare. A fine gara lo convincono a sottoporsi ad una visita di controllo, che si trasforma in un intervento di urgenza per porre rimedio ad un infarto. Vengono i brividi pensando all’epilogo di altre situazioni simili nello sport, da Curi a Morosini. E invece il giorno dopo Márton nella stessa intervista dichiarà “All’Europeo ci sarò”. Se sia incoscienza, o fiducia nel suo fisico, o incrollabile speranza, lo sapremo solo fra un paio di mesi. Per ora possiamo tirare un enorme sospiro di sollievo. Gyógyulást, Marci!

Foto: archivio Pro Recco

Vuoi dire la tua?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...