Tanto per cambiare

OradeaL’anno scorso di questi tempi si era in pieno affaire Superlega, con la LEN in fibrillazione per cercare di stroncare sul nascere il progetto delle più importanti società europee per una nuova versione della massima competizione continentale per club. Il risultato fu l’ennesima modifica della formula della Champions League (già Eurolega, già Coppa dei Campioni) secondo un principio che potremmo riassumere nel vecchio “più gente c’è, più bestie si vedono”: allarghiamo la partecipazione a chiunque, aumentiamo il numero delle partite. Il risultato lo ricordiamo tutti: nessuna delle quattro finaliste dell’edizione precedente iscritta, alcune altre defezioni importanti, rinunce a manifestazione in corso, persino un 19-1 negli ottavi di finale e un 18-3 nei quarti. Che si fa? Si cambia di nuovo, e in direzione opposta alla precedente.

La nuova Champions League 2013-2014 introdurrà due importanti novità: la Final Six e le Wild Card. L’inedita (per la pallanuoto) finale a sei prende a prestito il sistema già in uso nelle competizioni per nazioni: le prime classificate dei due gironi di qualificazione vanno direttamente alle semifinali, le seconde e le terze giocano un playoff incrociato. L’intento è quello di allargare il “bacino di utenza” delle finali, aumentando di un (molto) teorico 50% il numero dei potenziali spettatori. Rijeka 2009 fu probabilmente l’ultima edizione con una partecipazione di pubblico equilibrata fra le varie tifoserie, valutabile in un 20% a testa per le quattro squadre e un altro 20% di pubblico “neutrale”; Oradea 2012 il punto più basso, con tanti ungheresi, una cinquantina di italiani, croati non pervenuti. Il problema principale, fin dall’edizione di Barcellona 2008, sta nella presenza del pubblico di casa: numerosissimo se la squadra locale (o almeno una squadra della stessa nazione) è impegnata nella competizione, tendenzialmente indifferente se le partecipanti sono tutte straniere. L’idea della finale in campo neutro come veicolo di promozione chiaramente non funziona se non è adeguatamente supportata dagli organizzatori locali. Per questo motivo anche qui si è pescato dalla formula di un altro evento per nazioni, la tanto discussa World League: la città ospitante, annunciata fin dall’inizio della manifestazione, potrebbe vedersi riconoscere la qualificazione automatica alle finali indipendentemente dal suo piazzamento nel girone. Alla semifinale se arriva al primo posto,  al playoff in tutti gli altri casi.  Il sistema presenta luci e ombre, vedremo quali effetti avrà se effettivamente sarà applicato in questi termini. Al momento sono state presentate quattro candidature: Istanbul (Galatasaray), Eger, Barcellona (Barceloneta) e Brescia. Sono tutte squadre che in una Champions League a partecipazione completa (quindi con Pro Recco, Primorje, Mladost e le altre assenti quest’anno) non partirebbero precisamente coi favori del pronostico se dovessero affidarsi ai soli risultati in vasca. A voi le vostre considerazioni.

Belgrado 2013L’altra novità annunciata, che capovolge lo spirito ecumenico della scorsa edizione, è il meccanismo delle wild card. Il termine è fuorviante, dal momento che di solito lo si utilizza per indicare un invito concesso a chi non avrebbe i requisiti per la partecipazione (ad esempio nel tennis a chi ha una classifica troppo bassa). Qui invece sembra molto più vicino al concetto di licenza in vigore nel basket. In soldoni: sulla base di una serie di parametri quali, ad esempio, blasone, forza economica, impianto di gara, verranno individuate otto squadre a cui verrà garantita la partecipazione alla Champions League per tre anni; al termine dei tre anni i parametri verranno verificati nuovamente e le licenze potranno essere confermate o revocate e assegnate ad altri. Le wild card saranno uniche per nazione, e ancora non è del  tutto chiaro come influiranno sul numero di squadre concesse ad ogni nazione in base al suo ranking. Così come non è ancora ufficialmente nota la formulazione dei parametri, operazione delicata per garantire una effettiva obiettività all’operazione che finirà per “blindare” i gironi avendo due terzi delle partecipanti qualificate di diritto e offrendo così un ridotto tasso di ricambio.

Quindi la nuova formula sarà impostata così: dalle tre fasi preliminari (due a concentramento e l’ultima a eliminazione diretta) si qualificheranno quattro squadre che raggiungeranno le otto “elette” nella fase a gironi vera e propria (due gironi da 6, quindi dieci giornate). I due gironi qualificheranno tre squadre ciascuno alla Final Six secondo le modalità già indicate. Aldilà dei toni trionfalistici letti nelle dichiarazioni dei vertici LEN, personalmente eviterei di magnificare troppo la nuova formula (soprattutto eviterei di citare in continuazione il “livello tecnico altissimo”) e lavorerei molto invece per garantire quelle basi necessarie per il suo funzionamento: impianti all’altezza, precisi e inderogabili parametri organizzativi per i club, promozione adeguata (la parola d’ordine deve essere “creare l’evento”, senza alternative), impegno alla trasmissione televisiva di tutte le partite della fase a gironi e delle finali. Con queste basi si potrà poi giudicare serenamente anche la formula.

Cambiamenti anche più radicali li avremo in campo femminile, dove sparirà la Coppa LEN almeno per come l’abbiamo conosciuta finora. Ci sarà un unico torneo continentale, col nuovo nome di Women Euroleague, al quale parteciperanno tutte le squadre che in questa stagione si sono qualificate per le due attuali manifestazioni. Con la speranza che chi vincerà abbia una legittimazione più forte di quella risultante dalla vecchia formula, e possibilmente di non assistere nuovamente a finali giocate nel nulla come accaduto a Kirishi nel 2012. Ma, più di ogni altra cosa, che la si finisca di sperimentare ogni anno e si scelga una via sulla quale insistere per ridare credibilità e popolarità a competizioni che negli ultimi anni ne hanno perso davvero tanta. E mi si permetta di osservare che presentare questa rivoluzione quando ancora non tutti gli aspetti ne sono stati definiti e i “forse” sono ancora inevitabili non sia proprio il modo migliore di cominciarla. Spero vivamente di poter essere smentito dai fatti.

Foto 1: Alessandro Arbocò
Foto 2:Waterpoloserbia.org

Vuoi dire la tua?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...