Coppa Italia: considerazioni a quattro mani

fase di gioco6 ottobre, due settimane fa. Alla Zanelli di Savona si gioca il girone C di Coppa Italia, e il calendario prevede che l’incontro fra Acquachiara e Pro Recco si giochi alle 9 del mattino. La foto della tribuna deserta (qualcuno si è divertito a contare gli spettatori: 14) farà il giro dei siti specializzati sollevando proteste e indignazione fra gli appassionati per nulla contenti di una scelta organizzativa all’insegna del risparmio. Magari qualche ottimista, lette le reazioni, avrà pure sperato che il girone D, posticipato per via degli impegni in Champions League del Brescia, potesse far tesoro dell’esperienza savonese e correggere gli errori. In effetti qualcosa è cambiato: sabato mattina l’incontro fra IGM Ortigia e RN Bogliasco si giocherà al più consono orario delle 9.30. Si registra diffuso entusiasmo nell’ambiente per una così radicale svolta organizzativa, se ci fosse un altro turno prima della Final Four magari si arriverebbe addirittura alle 10 (la mozione “10.30” è stata ritirata perché giudicata troppo ardita dagli stessi promotori).

(aggiornamento: come non detto…..)

Battute (amare) a parte, una domanda più seria: perché si disputa la Coppa Italia? Qual è il senso di un torneo ai limiti del clandestino, con date stabilite senza tener conto degli impegni internazionali (scena già vista nella scorsa edizione, sia maschile che femminile), organizzato all’insegna del risparmio con orari insensati? Si intende promuovere la pallanuoto? Io credo che in questo modo si ottenga il risultato diametralmente opposto…

Interviene Edoardo Osti: “ come sostieni tu nell’intervista comparsa ieri sul mio blog, Il risparmio col solo fine del risparmio produce orrori. Davvero non so che dire. Abbiamo speso quasi 10 anni a creare un evento che oggi

  • Non interessa il pubblico
  • È visto dalle società come una spesa (altrimenti non si comprendono certi orari)

Non interessa cioè a nessuno. Ma questa non è la natura di un evento, è semplicemente la conseguenza di un evento gestito male.

Manca la logica imprenditoriale, che porterebbe a creare un Evento per ottenere un vantaggio, sia esso in termini di risposta mediatica, sia di ritorno economico. Con la logica del risparmio col solo fine del risparmio abbiamo prodotto l’orrore di uno spettacolo che gli stessi protagonisti non vogliono recitare.

Sono ottimista: confido molto nella spinta propulsiva che l’Ufficio Marketing della FIN può dare, e qui mi permetto di inviare un primo suggerimento:

Collocare la Coppa Italia tra giugno e agosto. Ecco perchè

  • In questo periodo le squadre più forti saranno private dei nazionali, italiani e stranieri
  • In questo periodo è meno forte la concorrenza televisiva degli altri sport
  • Di conseguenza la manifestazione risulterà più equilibrata del campionato e potrà diventare un grande biglietto da visita per catturare nuovi praticanti e tifosi, grazie anche alla maggiore disponibilità delle reti televisive a mandarci in onda.
  • La cosa si potrebbe ripercuotere in maniera positiva su due aspetti determinanti: l’attenzione di nuovi sponsor e la possibilità di avere in campionato spalti più gremiti.

Come vedi ho usato molti condizionali: per concretizzarli occorre qualità e disponibilità. E certamente bisogna lasciare la strada del “risparmio col solo fine del risparmio”.

P.S. Sto facendo i biglietti aerei per andare a Brescia, e ho trovato una tariffa molto conveniente, ma l’aereo parte alle 17.30, mentre la manifestazione chiuderà attorno alle 18.00. Non vorrei perdere l’ultimo incontro, è possibile anticipare le gare di un paio d’ore?”

3 pensieri riguardo “Coppa Italia: considerazioni a quattro mani

  1. contestoa la sua affermazione riguardo … fa il giro dei siti specializzati. Uno solo ha denunciato quella porcheria. E’ stato waterpoloweb.com

    1. Forse sarà stato l’unico a dedicargli un articolo intero, ma di certo non l’unico sito dove se ne è parlato, signor Grillone se ne faccia una ragione che le storture non le vede solo lei…

Vuoi dire la tua?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...