Avanti tutta

Ed ecco l’ufficialità su date, formula e normativa per i campionati di A1. Ufficialità che conferma in buona parte le voci che già circolavano, lasciando aperti molti interrogativi.

Le date. Il campionato maschile parte il 13 ottobre e terminerà al più tardi il 21 maggio, quello femminile inizierà due settimane più tardi (27 ottobre) per terminare ancora con una Final Four il 25 e 26 maggio. Con buona pace di tutti i nostalgici come me che vorrebbero assistere a qualche partita almeno nel mese di giugno. Di apprezzabile c’è il limitato ricorso ai turni infrasettimanali nella prima fase (uno per gli uomini, due per le donne) rispetto al delirio dello scorso anno.

La formula. Minimalista, anche quest’anno, per l’assegnazione del titolo maschile. Provocatoriamente continuo a pensare che tanto varrebbe fare una finale secca come nella pallavolo, anche se è sempre meglio il due su tre che il sistema della Final Four, che non ho mai particolarmente apprezzato. Final Four che toccherà di nuovo al campionato femminile anche quest’anno limitato a dieci partecipanti, e meno male che le indiscrezioni su una possibile finale a otto non si sono concretizzate, sarebbe stato il trionfo del ridicolo.

La normativa. Sprezzante del pericolo, la FIN mette in pratica la sua brillante trovata sulla spinosa questione degli stranieri, che possiamo provare a riassumere da quanto si capisce dal regolamento. Tesserate pure tutti i comunitari che volete, ma se sono due o più non potete tesserare giocatori extra-UE; se volete serbi, croati, montenegrini o altri provenienti da paesi non comunitari significa che per vostra scelta avete deciso di non tesserare atleti comunitari (al limite uno e uno). E comunque la lista da iscrivere al campionato è chiusa a 16 nomi, esclusi gli atleti del vivaio eventualmente aggregati alla prima squadra. Soprattutto, in acqua ci dovranno sempre essere almeno cinque giocatori “provenienti dai vivai italiani”. Per il campionato femminile il limite scende a una sola giocatrice extra-UE e sei giocatrici in acqua provenienti dai vivai. Intanto proprio quest’ultima definizione lascia perplessi, visto che a meno di circolari interpretative chiuderebbe la porta in faccia anche ai naturalizzati (che, di fatto, non provengono da vivai italiani). E poi l’accrocchio studiato per aggirare le direttive della Commissione Europea appare deboluccio. Immaginiamo il seguente scenario: il signor Franz Müller, cittadino tedesco e giocatore di pallanuoto, ottiene un contatto con una società italiana che sarebbe ben disposta a farlo giocare, ma ha già sotto contratto i fratelli Vladimir e Filip Jugovic, di nazionalità serba, e quindi secondo la normativa FIN non potrà tesserarlo per il campionato italiano. Müller resterà deluso da questa situazione, da buon tedesco cercherà riscontri a quanto gli è stato detto e troverà la sentenza UE che impone alla FIN l’eliminazione di qualsiasi ostacolo al libero tesseramento dei giocatori comunitari per il campionato italiano. A questo punto si consulterà con un legale e farà causa alla Federazione. Secondo voi come andrà a finire? Vi do un suggerimento: Bosman. Nel frattempo prepariamoci a vedere come se la caveranno arbitri e giurie di gara che ad ogni sostituzione dovranno fare il calcolo di quanti italiani e quanti stranieri sono in acqua. E avanti tutta, sperando che non finisca come con Schettino.

PS: le normative sono liberamente scaricabili da questa pagina. Se qualcuno avesse voglia di leggerle e ne ricavasse una interpretazione diversa dalla mia sarò ben lieto di discuterne.

3 pensieri riguardo “Avanti tutta

Vuoi dire la tua?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...